Home > Runway > La moda come viaggio e ricerca: Francesca Liberatore presenta a Milano la sua nuova collezione Autunno Inverno 2018/19

La moda come viaggio e ricerca: Francesca Liberatore presenta a Milano la sua nuova collezione Autunno Inverno 2018/19

di Giovanna Fusco . Foto di Giuseppe Spena
Sulle note commoventi de “La guerra di Piero” di Fabrizio De André si apre la sfilata di Francesca Liberatore, giovane stilista italiana che, dopo aver calcato per tanto tempo le passerelle newyorkesi, è tornata a Milano con una nuova collezione, emozionante, per una donna libera e cittadina del mondo.



Arte, poesia, terre lontane: una grande valigia piena di sentimenti, di entusiasmo, di emozioni, che la Liberatore ha aperto, con eleganza e impegno, raccontando se stessa e il suo amore per la moda. Profumi e sapori, trame e colori ispirati agli ultimi viaggi in Pakistan e nel Medio Oriente vengono qui trasferiti su abiti che diventano preziose opere d’arte.A partire dalla palette di colori, quasi a riprodurre un arcobaleno rassicurante e sorprendente, dal blu al celeste, dal verde al grigio, fino al nero, con dettagli in oro. Il taglio, moderno e originale, esalta la silhouette femminile mettendone in evidenza le forme, eleganti e raffinate. Una fusione armonica emerge dai capi, quasi a restituire, in silenzio, una storia.Francesca Liberatore Fall Winter 2018/19 (Photo by Giuseppe Spena)Sì, perché dietro il talento della creativa stilista romana c’è sempre una narrazione: qui, a partire dal ricamo tipico del paese asiatico, eseguito da ricamatori uomini in aziende gestite da donne, passando per le sciarpe, elemento tipico di quei luoghi, tutto ha valore, nulla è lasciato al caso. Una collezione per tutte le donne, quelle che amano viaggiare, scoprire, esplorare; donne che hanno voglia di vivere.

E nella grigia Milano la contemporaneità e la creatività fanno risplendere lo spazio del Padiglione Visconti: Francesca Liberatore, con la sua semplicità e discrezione, ringrazia tutti in jeans e maglietta, chiudendo uno spettacolo che si presenta come un viaggio che tutti possono affrontare e leggere sulle sue stoffe, nei suoi colori, attraverso lo sguardo, profondo e curioso, dei suoi occhi.

Related Post

Lascia un commento