Home > Runway > Piccione.Piccione si trasforma, più audace che mai – Collezione Autunno Inverno 2018/19

Piccione.Piccione si trasforma, più audace che mai – Collezione Autunno Inverno 2018/19

di Gaia Schiavetti – foto di Giorgio Cavestro
Enormi fiocchi si appoggiano sui capelli delle modelle e ornano le acconciature modificando la silhouette. Piccione.Piccione è uno degli show che attendo di più durante la settimana della moda ma di certo non mi aspettavo una rivoluzione.




Il giovane siciliano conosciuto per le stampe, la linea romantica e le trasparenze trasognanti ha deciso di portare la sua moda ad un livello successivo e di far crescere la sua donna. Consapevolezza, sensualità, carattere e sicurezza, il romanticismo e la leggerezza rimangono un must e il brand conserva la sua identità ma abbandona il lato etereo per fare spazio ad un’energia metropolitana.Piccione.Piccione Fall Winter 2018/19 women's collection (photo by Giorgio Cavestro)Come una donna che rimane integra, sognatrice e innamorata della vita ma diventa consapevole della sua bellezza, vuole affrontare il suo futuro e vuole essere la migliore versione di se stessa. Da sempre legato all’arte, Salvatore Piccione non abbandona le sue origini ma sposta la sua passione verso qualcosa di più contemporaneo e si avvicina a Kandinskij e all’astrattismo. È così che la palette della collezione ruota tutta intorno ai colori primari: rosso, giallo e blu molto brillanti. Il rosso spesso si incupisce accompagnando il nero in un mood aggressivo e rock che si carica di una sensualità elegante ma sfacciata.Piccione.Piccione Fall Winter 2018/19 women's collection (photo by Giorgio Cavestro)Le trasparenze sono meno decorate ma più colorate. Anche il fiore diventa emblema del cambiamento trasformandosi in un disegno dai contorni e colori più forti che esprime sicurezza e forza.

Eleganza in rosso espressa dall’abito trasparente con mantello e ricami, uno dei capi che esprime il collegamento tra le origini di Piccione.Piccione e la sua rivoluzione, la sua crescita… che noi abbiamo adorato!

Related Post

Lascia un commento