Home > Runway > Cividini collezione Autunno Inverno 2018/19: tra rigore e leggerezza

Cividini collezione Autunno Inverno 2018/19: tra rigore e leggerezza

di Emanuela Cinti
Miriam e Piero Cividini, partners nel lavoro e nella vita privata, trasmettono in ogni loro collezione personalità,  idee e, soprattutto,  conoscenza del prodotto basata su un mix di lavorazioni altamente artigianali e di moderna tecnologia.



Con la nuova collezione Autunno Inverno 2018/19, presentata durante la Milan Fashion Week, Cividini gioca sui contrasti. Le forme geometriche si contrappongono alla fluidità dei volumi. Rigore e leggerezza sono le parole chiave che riassumono l’intera collezione. Il rigore delle linee, del design, del colore e delle proporzioni è sapientemente mixato a dettagli, volumi e texture. “Free expression” è un’altra parola chiave che la collezione vuole comunicare, con l’intendo di creare nuove combinazioni scartando le regole stabilite.Cividini Fall Winter 2018/19 collectionLasciarsi travolgere dal piacere e dall’eccesso sono prerogative di Cividini che attraverso la palette composta dal bianco, nero, rosso, blu, grigio, beige, verde e giallo e grazie ai tessuti utilizzati come la seta, tweed, cotone, maglieria e tessuto tecnico ha dato vita ad una collezione per una donna che ama sentirsi moderna,colta, indipendente dai trend, forte e soddisfatta della propria vita e delle proprie scelte. La filosofia che Cividini attua da anni si basa sul mettere al primo posto la qualità dei materiali. Infatti è grazie alla manifattura di altissima qualità e ai tessuti pregiati, oltre ovviamente al design raffinato, che Cividini ha conquistato la sua donna.

L’azienda nata come una piccola produzione di maglieria di cachemire a Bergamo nel 1987, oggi si è estesa all’intero guardaroba total look, includendo anche accessori. Il marchio Bergamasco, grazie alle positive risposte avute dal mercato internazionale è in forte crescita non solo nel mercato italiano ma anche nei paesi di lingua tedesca. L’arma vincente di Cividini risiede infine nell’aver saputo unire con maestria una moda “street” ad una “couture”.

 

Lascia un commento