Home > Runway > La Lara Croft 2.0 indossa Fendi – collezione Primavera Estate 2019

La Lara Croft 2.0 indossa Fendi – collezione Primavera Estate 2019




di Gaia Schiavetti
Il passo deciso e la divisa della perfetta multitasker. La donna Fendi che indossa i capi della collezione Primavera Estate 2019 è la versione 2.0 di Lara Croft in bianco ottico, salvia, cognac, burgundy, mandarino, sabbia e denim.I capi pratici e sportivi si ispirano ai tagli maschili riapplicati però alla silhouette femminile per non intaccare la sensualità. Grandi tasche applicate su gonne e pantaloni marcano le linee di un design altrimenti pulito e minimal, pratici marsupi ispirati a cinture da attrezzi ridefiniscono la fisicità femminile che si presta ad accogliere nuove soluzioni per le sue esigenze.Focus su parka, giacche e giubbotti caratterizzati da colli a pettorina, logo FF in rilievo e tessuti come pelle, PVC o lana estiva. Mood sporty ma fiero grazie alla vita segnata dai doppi corsetti in pelle abbinati ad esempio alla gonna in pelle ton sur ton per una divisa da lavoro opulenta e sensuale.

Tutta la collezione, tutta l’ispirazione e tutto il mood possono essere riassunti in un unico outfit: l’abito trasparente con ricami indossato con una “lingerie” formata da top sportivo e shorts da ciclista. Gli accessori Fendi per la Primavera Estate 2019 non rinunciano all’anima chic ma la reinventano lasciando spazio all’anima confortevole della collezione.

La Peekaboo è protetta dalla cover waterproof DeFender e si declina in diverse combinazioni grazie a manici intercambiabili e tasche.
La Baguette è preziosa con applicazioni di perline e paillettes e soprattutto…grande! Ebbene sì, l’iconica borsa aumenta le sue dimensioni a favore della praticità ed è caratterizzata dal logo a rilievo presente anche sulla nuova “Upside Down” con chiusura capovolta. La divisa della donna, non quella imposta ma quella scelta.

Una seconda pelle che capovolge il ruolo della donna che forse, in un futuro non lontano, potrà tutto.

Related Post

Lascia un commento