Home > News Moda > White Al Fianco Delle PMI Italiane. Al via Il Progetto Con Regione Siciliana: Focus on Sicily
Borsa Gate Trentuno, Pelliccia Salvina Raniolo, Costume Suahru, Borsa Federico Price, Vuttussi

White Al Fianco Delle PMI Italiane. Al via Il Progetto Con Regione Siciliana: Focus on Sicily

C.St.: S2Bpress
WHITE
è al fianco delle piccole-medie imprese puntando sulla qualità di una proposta italiana e internazionale. Il salone non solo è da sempre la piattaforma per il lancio di nuovi marchi, ma supporta l’espansione e la distribuzione di aziende già consolidate. In un momento storico particolarmente complesso a livello internazionale WHITE continua la sua strategia di internazionalizzazione delle aziende italiane, tramite diverse aree dedicate all’artigianalità italiana (selezionate con Confartigianato Imprese al Tortona 31) e il progetto Focus on Sicily (on show al Tortona 31 -35).
Grazie alla collaborazione con la Regione Siciliana – Assessorato delle Attività Produttive con fondi dell’azione 3.4.1 PO FESR 2014/2020., WHITE presenta 41 marchi provenienti dalla Sicilia, in mostra nel Tortona Fashion District. Dopo una lunga attività di scouting condotta su tutto il territorio, WHITE ha individuato un panorama di aziende e realtà dal DNA artigianale, che sono raccontate al salone tramite una serie di foto e video prodotti ad hoc da WHITE.  Le campagne sono state scattate a Palermo all’interno di due dimore storiche di epoca liberty – Villino Florio e Villa Virginia Caruso – che sono state aperte per la prima volta, offrendo uno scenario unico per ambientare le creazioni Made in Sicily. Le foto e i video realizzati saranno inoltre promossi attraverso tutti i canali di WHITE e di alcuni selezionati media partner.

Commenta Massimiliano Bizzi, founder di WHITE: “Tutte queste iniziative, unitamente all’attenzione che stiamo dando ai modelli produttivi, premieranno le aziende Made In Italy e daranno ulteriore valore al saper fare italiano, dimostrando che il low cost sta ormai cedendo perché non è più sostenibile, sotto molti punti di vista”.

Conclude l’Assessore alle Attività produttive della Regione Siciliana Girolamo Turano: “La moda siciliana è un settore in crescita e dalle straordinarie potenzialità come dimostrano i numeri delle imprese selezionate per White Milano.  La collaborazione con White fa parte della più ampia strategia della Regione Siciliana che punta a sostenere le imprese nell’affrontare con successo la sfida dell’internazionalizzazione in un mercato sempre più competitivo e selettivo che però apprezza il made in Italy e in particolare il made in Sicily”Borsa rosa lurex Danié Made in Sicily, choker Filotessuto, bracciale Allù Jewels, borsa cornice Le Camene, borsa tracolla nera TrizziniBrand abbigliamento
Cettina Bucca
Sartorialità ed emozioni con lunghi abiti e stampe fiabesche. Al debutto la serie di accessori speciali, dalle scarpe di velluto ai colli e le cinture di legno.

Asciari Emblema dello stile di qualità, eterno e understated. Questa volta la collezione si ispira al peculiare mix di avanguardia e tradizione della cultura inglese.

Sartoria Maqueda Creazioni sartoriali e capi a tiratura limitata con morbida vocazione antispreco

Bellino Nasce come boutique e diventa etichetta. Capi in lino sobri con una modellistica impeccabile e maglieria in lana merino e cashmere realizzati localmente.

Eugenio Vazzano La sapienza dell’antico artigianato siciliano incontra il gusto internazionale con abiti, kimono, babbucce e fusciacche in preziose “pezze”, sempre nei colori della terra madre.

Gullo Filati Impatto positivo sul territorio con la storica merceria reinventatasi knit cafè che ora declina il saper fare di intrecci con una linea personale di pezzi unici.

La Vie en Rosalia Un nome che fa sorridere, impossibile dimenticarlo: è la capsule glamour di La Vie en Rose in omaggio alla santa patrona di Palermo (e a tutto il patrimonio culturale siciliano).

DueRRuote Abiti con motivi grafici ispirati ai decori dei carretti per recuperare la memoria.  Un’immagine fresca da esportare in tutto il mondo.

Colori del Sole Ambasciatore della produzione lenta, produce teli, borse, e T-shirt per il tempo libero. Tutto stampato tassativamente a mano con artistiche fantasie.

Salvina Raniolo Pellicceria con esperienza pluridecennale. Parte negli anni Sessanta ed è viva testimone di come la femminilità siciliana sia evoluta, sempre nel segno della manualità.

MV Marianna Vigneri Linea palermitana pensata per le donne che vivono con pienezza: la moda non deve mai sovrastare il corpo, piuttosto lo deve caratterizzare con morbidezza.

MAD di Marzia Donzelli Per la quotidianità, un made in Italy ispirato dall’energia delle Isole Eolie. Tra contrasti materici e colori, abiti, costumi, accessori e gioielli versatili.

Vuedu Ironiche geometrie strutturali nel nome del minimal: è la linea fondata dall’architetto Daniela Vinciguerra, che per il prossimo autunno si ispira ai collage.

Mollo Tutto Lanciato a Lipari nel 2014 dall’artista palermitana Natalie Rossi, marchio all’insegna della libertà e con l’amore per la vita da barca. Tutto realizzato in Italia con materiali naturali.

NN Couture indaga le tradizioni del mondo per farle sue; questa volta protagonisti al White sono i caftani realizzati con antichi jacquard indiani ormai irriproducibili.

Filly Biz gli abiti d’autore di Filly Cusenza, artista specializzata in fiber art (l’arte con le fibre tessili).

Suahru Ideati da un trio di sorelle palermitane, costumi che celebrano la sensualità del corpo.

Bisso Milano Incontro tra senso del decorativismo siciliano e il minimal più dinamico milanese

Mariella Gennarino Maison Il lato più aristocratico “gattopardiano” della sicilianità. Abiti da sposa ed elegante prêt à porter che dal cuore di Catania raggiunge il jet set globale.

Brand accessori
Salvatore Sardisco
eccellenza del made in Italy a conduzione familiare fondata negli anni Settanta produce borse impeccabili dal forte impatto grafico .

23é Limited Edition trasforma scarti pre e post consumo in accessori speciali: questa stagione a dare vita copricapi e mantelle couture da pioggia sono dei vecchi ombrelli.

Allù Jewels gioielli prodotti a mano con una senso forte per la geometria e i colori. La fondatrice Chiara Raimondi ha fatto di un hobby una passione a tempo pieno.

Sicily Home Collection Da un’azienda con 15 anni di esperienza nei complementi di arredo, lampade e runner, borse e foulard made in Messina nel segno di un’estetica mediterranea.

Marinella Stornello BaroccOro Jewels La tradizione siciliana della ceramica di Caltagirone unita a lava, perle e pietre dure dà vita a preziosi oggetti in miniatura a cui si uniscono a colorati foulard.

Federico Price L’arte del recupero. Scagliandosi contro il fast fashion crea le sue borse  da materiali preesistenti cercati con cura nel mondo, dando poi lavoro alle piccole botteghe locali.

Filotessuto Il chiacchierino è un tipico merletto. Jessica Pirino lo nobilita nei suoi orecchini décor. Con perle, pietre e cristalli e una piccola serigrafia al centro raffigurante un’icona siciliana.

Jadise Le borse di Massimiliano d’Angelo prendono spunto dal passato e si proiettano nel futuro: tra pellami pregiati e colori profondi spuntano dettagli riconoscibili come i manici di corda.

Kalliopecasa TM Realizzate con tessuti di scarto del settore arredo, borse che vivono una seconda vita.

Antoniani Borse d’alta sartoria nate dall’amore di due sorelle per la nonna sarta. Con accostamenti e tecniche originali oggi sempre più in un’ottica di innovazione sostenibile.

Duci Jewelry di Martina Ciaccio Sobri gioielli di design disegnati da Martina Ciaccio e ispirati dai fichi d’india.

Roberto Intorre Gioielleria Contemporanea Stupefacenti gioielli handmade dal forte simbolismo culturale.

Gate Trentuno Borse di qualità che parlano a un pubblico di ottimiste con eleganza e allegria

Vitussi Bauletti artistici con ironico manico scultura. Al White c’è una sorprendente provocazione: la borsa Bisenzia rivestita di prato. La si potrà indossare solo annaffiandola!

Gattacci Di design ma nel segno del minimal, gioielli e clutch di plexiglas audaci e leggeri

SpazioiF Borse funzionali anti stereotipo: i tagli ruvidi e le impunture esaltano l’essenza della pelle, le forme trasformiste dialogano con il corpo di chi le indossa, assumendo forme differenti.

Le Camene Le borse incorniciate di Tanya Fiandaca sono come quadri da esporre. Il risultato di un lavoro di squadra con artigiani del legno, tappezzieri e ceramisti.

Danima Salvare la ceramica e produrre impatto sociale positivo sul territorio, da Caltagirone a Sciacca, è l’obiettivo di gioielli e vellutati cerchietti disegnati da Emanuela Bertino.

Daniè made in Sicily Daniela Napolitano doveva diventare un’incastonatrice di pietre e invece “incastona” decori e passamanerie di riuso per le sue iconiche coffe.

Tizzini Tra tessuti pregiati, specchietti e applicazioni handmade l’amore per le ceste tipiche è così grande che insieme a scarpe, abiti e gioielli, al White arrivano le gonne-coffe.

Giuliana di Franco Gioielli Fedeli al patrimonio culturale e naturalistico, gli iconici monili con i simboli più evocativi della Sicilia.

Paola Parrinello Jewellery I pendenti di un’altra fan del pizzo chiacchierino in versione bling bling: così decorativi e versatili da sublimare qualsiasi look.Cappello 23 Limited Edition, collana Roberto Intorre Gioielleria Contemporanea, borsa Antoniani, Spazio IF, sciarpa colori del soleDescrizione brand
23é Limited Edition
A ventitré anni dal diploma al Polimoda e con un curriculum denso di esperienza, Deborah Correnti e Mirko Marchetti si ritrovano a fantasticare sulla Sicilia: il sole, i colori, i profumi; l’artigianato e il clima che la fa da padrone; l’idea di dare nuova vita a scarti di produzione pre e post consumo con un progetto green. Nel 2017 nascono così gli accessori 23é Limited Edition Riciclo Sartoriale. Per la f/w 2021 arriva la collezione gender fluid I Was An Umbrella: copricapi da pioggia, sacche e mantelle couture nati a partire da parapioggia rotti igienizzati (23ventitre.it). 

Sartoria Maqueda
Dopo aver vissuto un anno a Copenhagen, Alice Salmeri torna a Palermo con sperimentazione e funzionalità nel cuore. Apre così Sartoria Maqueda: creazioni sartoriali e capi a tiratura limitata realizzati con tessuti unici eseguiti su telai manuali, con filati e fibre naturali. Dall’intreccio di tradizione, essenzialità e una certa sensibilità per il tema ecologico nasce anche l’ultima collezione:  filo e tessuto sono sempre i protagonisti. Questa volta anche nelle borse, mentre l’abbigliamento sperimenta linee morbide nell’ambizione di azzerare gli scarti di produzione. (sartoriamaqueda.it)

Allù Jewels
Estremamente giocosi, con geometrie d’impatto e colori vibranti, i bijoux tribali di Chiara Raimondi sono tutti fatti rigorosamente a mano. I materiali arrivano da fornitori di fiducia in Cina e Vietnam, la manifattura è palermitana e la poesia deriva dalla passione con cui vengono creati: «Mi piace che le donne indossino un accessorio capace di renderle uniche in un attimo». Del resto, è in attimo che la vita cambia: Chiara faceva la pedagoga e si dilettava con i gioielli per gioco, finché uno dei suoi pezzi è stato notato da una giornalista. Da allora è diventato il lavoro full time. Due collezioni l’anno, 100 pezzi ciascuna. (allujewels.com)

Cettina Bucca
Una donna che vive al centro della contemporaneità ma è affascinata dal passato e dalla tradizione; emancipata, segue la moda senza esserne dipendente; è sognatrice e spirito libero. È la donna a cui parlando le creazioni di Cettina Bucca, marchio di grande potere evocativo nato nel 2010. Nei suoi abiti a colori, la qualità dei tessuti migliori e l’umanità di chi li trasforma in emozioni senza tempo. La collezione FW 20/21 mette in scena le fiabe, con lunghi abiti di velluto, seta, mohair e lo scintillio delle paillettes. Le stampe sempre protagoniste. Dettaglio speciale della stagione, i colli e le cinture di legno, realizzati da artigiani locali. Al debutto le scarpe, nate dalla collaborazione con Sergio Amaranti, in pelle con tacco curvo e in velluto stampato come gli abiti. (cettinabucca.com)

Asciari
Uno stile di qualità, understated ed eterno, risultato della manifattura artigiana più eccellente. È Asciari, il marchio di prêt à porter a conduzione familiare nato nel 2016 interamente prodotto in Sicilia con i migliori tessuti provenienti da Italia, UK e Giappone. Al White, la collezione Britannica è un omaggio alla cultura inglese, in un mix di avanguardia e tradizione. Tweed e cotone jacquard biancoblu ispirati alle porcellane, tessuti stropicciati effetto working class e pull a coste; ma anche raffinatissimi cappotti reversibili di cashmere double in aristocratiche sfumature. (asciari.com)

Bellino
L’accurata ricerca modellistica, l’attenzione per una vestibilità impeccabile, l’elevata capacità di innovazione e la puntualità del servizio ai clienti hanno reso la boutique Bellino di Palermo un brand di casualwear conosciuto internazionalmente. Specializzato nella produzione di capi in lino sobri ed eleganti, nelle intramontabili nuances del bianco, blu, beige e marrone, Bellino ha ampliato la proposta anche a maglie e accessori personalizzabili di lana merinos e cashmere (filati italiani), sempre realizzati localmente, in un’ampia gamma di colori. (bellinomode.com)

Eugenio Vazzano
Capi unici e non riproducibili in lana, velluto e seta. Capi che non si lasciano tradurre al primo sguardo ma che rivelano nei dettagli l’anima più raffinata. È la moda fatta di “pezze” dello stilista-artista Eugenio Vazzano, la cui volontà è coniugare la sapienza dell’antico artigianato siciliano con il gusto internazionale. Vazzano lo ha appreso viaggiando e vivendo in giro per il mondo, per poi tornare a Melilli (SR). La collezione è fatta di abiti e kimono, fusciacche e babbucce ma anche ricchi complementi per la casa, dai cuscini ai copriletto. Fil rouge della collezione è sempre il senso per il colore, dal nero Etna al rosso astratto pomodoro tutte le sfumature si ispirano alla Sicilia. (eugeniovazzano.it)

Sicily Home Collection
Dagli oltre 15 anni di esperienza di La Shi Srl nel settore artigianale dei complementi d’arredo, nasce il brand Sicily Home Collection: dalle lampade di ceramica con paralumi di seta ai tavolini, dai cuscini ai runner stampati per la tavola, un ampissimo ventaglio di prodotti made in Messina nel cui dna vivono la cultura e storia dell’arte siciliane. Dalle borse ai foulard, il brand sconfina anche nell’abbigliamento femminile, presentando a White tutta una serie di novità, sempre nel segno della mediterraneità ma con un approccio più versatile, in modo da incontrare gusti più variegati. (sicilyhomecollection.com)

BaroccOro Jewels
La tradizione siciliana della ceramica di Catagirone unita a lava, perle e pietre dure è alla base dell’originalità distintiva delle creazioni di Marinella Stornello BaroccOro Jewels. L’idea geniale della designer è stata prendere sì ispirazione da forme, colori e personaggi della sua terra, ma declinarli non più su piastrelle o portavasi ma in inimitabili gioielli artigianali e foulard ad alto tasso di riconoscibilità. Oggetti così speciali e così legati al territorio di origine da essere stati nel 2016 selezionati dal British Museum per la mostra sulla Sicilia e lo shop interno al museo. (baroccoro.com)

Filotessuto
Il chiacchierino è un tipo di merletto adatto a bordure, tende, centrini e colletti. Jessica Pirino nel 2012 lo nobilita, trasformandolo nella base per i suoi orecchini barocchi, decorati con perle, Swarovski e pietre dure e con al centro piccole serigrafie su lastra di ottone raffiguranti l’essenza della Sicilia. Sono i pendenti artistici di Filotessuto, arte da indossare che si esprime in tre linee, ognuna ispirata a una donna forte della Sicilia: Santa Rosalia, Franca Viola e Franca Florio. Degno di nota il packaging di ogni gioiello: una mini cassettina di frutta con carrettino siciliano e una poesia che esorta a salire sulla ruota del cambiamento alla scoperta di una Sicilia che si spoglia dei luoghi comuni e si veste di poesia, bellezza, arte. @filotessuto

La vie en Rosalia
Dalla linea di abbigliamento femminile made in Italy La Vie En Rosalia, distribuita ormai da qualche anno, nel 2019 nasce la La vie en ROSALIA. Come si può indovinare dal nome, si tratta di una linea glam in tributo a Rosalia, santa patrona di Palermo famosa in tutto il mondo. Le ispirazioni sono ampie e attingono, più in generale, a tutto il patrimonio culturale siciliano, dalle icone folk a quelle storiche o aristocratiche (lavieenrose.it).

Salvina Raniolo
Nata a Ragusa nel 1947, Salvina Raniolo inizia a lavorare la pelliccia a soli quindici anni, in una pellicceria locale. Qui si appassiona al mestiere e apprende tutte le tecniche di lavorazione. Nel 1973 apre il suo atelier dove sviluppa modelli e lavorazioni all’insegna della sartorialità. Oggi quell’atelier è una realtà storica e, ancora gestito da lei con l’aiuto del figlio, continua a collezionare capi di alta qualità con un’estetica femminile sempre aggiornata (salvinaraniolo.com).

Duci Jewelry
Comprendere e ambire alla bellezza aiuta a vivere bene. È a partire da questa considerazione/manifesto che l’interior designer di Sciacca Martina Ciaccio allarga i propri orizzonti, scoprendo la poesia di oggetti vecchi e nuovi, sempre correlati alla sua terra. Nascono così i suoi complementi, gli oggetti per la casa e la linea di gioielli. Il progetto Duci by Martina Ciaccio unisce nelle sue proposte l’iconografia del fico d’india, simbolo della Sicilia, con l’eccellente manualità artigianale locale, riuscendo nell’impresa di coniugare bellezza e funzionalità. (martinaciaccio.com)

Federico Price
“Nulla si crea, nulla si distrugge, tutto si trasforma” è la filosofia alla base di Federico Price che ricicla, riduce, riutilizza a cm zero attraverso il lavoro paziente di mani operose. E scagliandosi contro il fast fashion per reintegrare e dare nuovo valore alle piccole botteghe d’artigianato, crea borse da accessori e abbigliamento di recupero provenienti da ogni parte del mondo. La scelta di restare in Sicilia ha un nobile obiettivo sociale. «Eco Fashion Group è nata e ha deciso di restare in Sicilia e da qui partire. Abbiamo scelto di puntare al bello, alla qualità, all’alta sartoria, alla sostenibilità. Realizzando creazioni che rispettino la natura, che si riprendano il tempo». (federicoprice.com) 

Roberto Intorre
Sul profilo Instagram di Roberto Intorre si legge: “Architetto di formazione e Orafo, sviluppa una ricerca inarrestabile di alchemico curioso, insegue il carattere, la nobiltà e il potere dei metalli”.

E in effetti è così: Intorre plasma materici e colti monili ispirandosi alla sua terra madre, ai suoi saperi, colori, tradizioni, contraddizioni. Dietro ogni oggetto c’è un simbolo, una storia. Come nella collezione Il Viaggio Meraviglioso che l’artigiano porta al White, liberamente ispirata all’Orlando Furioso: ogni monile rappresenta un personaggio, dall’Ippogrifo, indomabile animale che arriva fino alla luna a Orlando cieco per amore alla coraggiosa guerriera innamorata Brandimarte. (robertointorre.com)

Paola Parrinello
Pizzo chiacchierino con filo laminato e cotone, pietre naturali e cristalli. Ecco i coloratissimi ingredienti degli esotici orecchini di Paola Parrinello, brand lanciato nel 2013 con l’idea di creare un prodotto classico ma attuale, il cui “fattore lusso” non sia dato dai materiali quanto dalla lavorazione handmade. Il valore aggiunto di questi gioielli di grandi dimensioni (ma ultraleggeri) è l’estrema versatilità: con il loro iperdecorativismo abbelliscono e completano in un solo gesto anche il più semplice degli outfit (paolaparrinello.com).

Colori del Sole
Ambasciatore della produzione lenta e dell’amore incondizionato per il proprio territorio, il marchio palermitano Colori del Sole si distingue dal 1998 per l’uso di fibre naturali e la stampa a mano con forme e colori che si rifanno al patrimonio storico. Teli, borse per il tempo libero, coppole, T-shirt con messaggi positivi che invitano a non arrendersi mai, abbigliamento per donna, uomo e bambino sono tutti stampati con colori da serigrafia a base d’acqua, senza solventi e resistenti al sole e ai lavaggi fino a 40°. Particolarmente speciale la nascita dei disegni che si avvale anche di collaborazioni con artisti locali, «Ogni anno, nel nostro laboratorio immerso nella campagna siciliana, ne nascono di nuovi e per ognuno di loro scegliamo con cura il tessuto più adatto». In Sicilia si dice “l’amuri è amuri, nun è bridu i ciciri”: l’amore è amore, non è brodo di ceci. È questo amore che ci spinge a creare e credere nella nostra amata ed amara terra». (coloridelsole.com)

Vitussi
Siamo nella splendida cornice di Mondello, borgo marinaro alle porte di Palermo. Qui il laboratorio Vitussi crea e produce artistiche borse bauletto incorniciate dal metallo forgiato a fuoco, sempre arricchite da ironici manici scultura (iconici i rubinetti). Al White Vitussi presenta “Bisenzia”, borsa da sera per gli amanti della natura ricoperta all’esterno da un “prato”. Provocazione o monito, certamente è un invito alla gioia e alla cura giornaliera; in attesa di essere indossato, il prato va infatti tagliato e concimato, in una parola: amato. Tra borse con verdi prati, piume e rubinetti gold, sarà possibile scoprire in anteprima alcune esclusive fragranze. I profumi Vitussi nascono da una reinterpretazione di antiche leggende siciliane (vitussi.com).

Gattacci
Design da indossare, il catanese Gattacci propone gioielli e minibag di plexiglas, di tutte le forme e colori. Nato dall’unione creativa di Sebastiano Tramontana e Valentina Bua, il marchio nasce con l’intento di regalare leggerezza e audacia. La nuova collezione assorbe i colori dell’autunno e dell’inverno siciliano con atmosfere da fiaba mescolate ai miti della tradizione. Ecco quindi api, fiori e cristalli di ghiaccio alternarsi ai Mori siciliani: il tutto in plexi artigianale (gattacci.it).

Le Camene
Sono borse “d’arredo” perché le indossa chi le porta ma anche la casa che le ospita. Le creazioni di Tanya Fiandaca, ventinovenne di Barrafranca (EN), somigliano infatti a dei quadri e per questo non meritano di essere chiuse in armadio, piuttosto di essere appoggiate su un mobile di design, in bella mostra. Sono il frutto di un bel lavoro di squadra: alla loro creazione contribuiscono infatti artigiani del legno, ceramisti e tappezzieri. Le pochette sono tutte arricchite di cornice e applicazione di ceramica centrale, che a seconda del modello ha una storia da raccontare: un omaggio alla Sicilia completato da orecchini di tela dipinti a mano e papillon di ceramica (lecamene.it). 

SPAZIOiF
Lontano dall’immagine stereotipata della Sicilia, le borse SPAZIOiF portano una ventata di funzionalità minimale: con i tagli ruvidi e le impunture materiche esaltano l’essenza della pelle come elemento primordiale mentre le forme trasformiste dialogano con il corpo di chi le indossa. A disegnarle è Irene Ferrara, che crede nel potere della narrazione. «Un oggetto ci attrae quando scopriamo in lui un’identità e una storia che vorremmo ci appartenesse. Progettando cerchiamo di raccontare questa storia, esaltando l’identità dell’oggetto attraverso l’equilibrio di forme e materiali». (spazioif.it).

Danima
Figlia di un’apprezzata sarta siciliana, Emanuela Bertino respira creatività fin da bambina, studia fashion design e lavora in giro per il mondo. Finché non torna a casa e, mettendo insieme glamour e radici fonda il marchio Danima. La motivazione e fonte di ispirazione principale è preservare il patrimonio culturale e storico dell’arte ceramica e manifatturiera siciliana con un impatto positivo sul territorio, da Caltagirone a Sciacca. Gli accessori prodotti sono di due tipi, i monili di ceramica e i cerchietti gioiello. A unirli la passione per la tradizione e uno sguardo leggero sulla contemporaneità (danimadesign.com)

Filly Biz
Camicie, borse e abiti che prendono vita con personaggi e applicazioni fiabeschi. Sembra arte e lo è. Dopo trent’anni di opere in tessuto (fiber art) per i musei di tutto il mondo, Filly Cusenza decide di dedicarsi all’arte indossabile e fonda un brand per appassionati di creatività (e ottimismo). È Filly Biz: creazioni ad alta riconoscibilità realizzate nel laboratorio artigianale di Bagheria (PA), perfetto esempio di made in Italy da collezionista (filly.biz).

Gullo Filati
Tre anni fa, dall’esigenza di riconvertire la storica merceria di famiglia in un luogo dove fermarsi e sferruzzare in compagnia, magari assaggiando un dolcetto o prendendo un cappuccino, nasceva Gullo Filati, perfetto knit cafè. Un progetto apprezzato localmente e internazionalmente per l’impatto positivo sul territorio che ha trovato naturale evoluzione nel lancio della linea di knitwear. Ogni singolo capo realizzato a mano è curato, dalla progettazione alla realizzazione finale, da un team che convoglia studio, creatività e manualità artigianale, con l’utilizzo di materiali e filati naturali, nel pieno rispetto del prezioso patrimonio artistico ambientale che ci circonda. (gullofilati.it)

Daniè made in Sicily
In passato le Coffe venivano utilizzate dai contadini come ceste per il trasporto del foraggio degli animali o di strumenti per l’attività agricola. Daniela Napolitano la reinventa come oggetto di culto, impreziosita con pizzi, rafie, piccoli specchi, nappe e nacchere. Doveva diventare incastonatrice di pietre e, invece, dal 2018 decora le borse del suo marchio Daniè Made in Sicily. Per la fall/winter 2020/21 arriva al White la collezione Regina, spregiudicata e aristocratica come l’ultima regina di Sicilia Bianca di Navarra. Nota bene: decori, ricami e passamanerie sono tutti realizzati secondo l’uso e il riuso creativo con materiali di riciclo. (daniemadeinsicily.it)

Vuedu
Abiti semplici, privi di parti inessenziali, con inediti accostamenti di tessuti e colori. È il gusto progettuale di Daniela Vinciguerra, architetto palermitano votato alla moda dal 2007 che si fa riconoscere per le ironiche geometrie strutturali. Con esclusive grafiche su lana pressata e applicazioni floreali o intarsi come “appiccicati con lo scotch”, la collezione autunno/inverno si gioca tutta intorno all’idea del collage. L’azienda predilige per la realizzazione dei suoi capi esclusivamente materie prime italiane: pregiate lane, pesanti velluti, morbidi cotoni e confortevoli jersey; mentre la produzione avviene in laboratori sartoriali siciliani (vuedu.it).

Jadise
Punto di partenza, il nome. Jadis in francese vuol dire “un tempo”, “anticamente”, “in passato”. Il marchio Jadise attinge all’etimologia del termine per sapere cosa prendere dal passato per proiettarsi nel futuro. Per esempio: combinare l’eccellenza manifatturiera italiana creando accessori che esaltino la femminilità di ogni donna. Ossia: le tecniche di ieri con lo stile di oggi. Per la collezione f/w, il fondatore e direttore creativo Massimiliano d’Angelo lavora su pellami pregiati e tinte profonde, con dettagli particolari come i manici di corda o le stampe a rilievo sempre nel rispetto di un’estetica geometrica pulita. (jadise.it) 



Kalliope
Interior designer e restauratrice di tessuti antichi, in 36 anni di attività la catanese Grazia Zuccarello ha amato, apprezzato e accarezzato una vastissima gamma di tessuti e passamanerie. Ma è in occasione di un torneo di golf che la sua carriera cambia, quando omaggiando delle sacche di tessuto, sortisce una reazione entusiasmante. Nasce così la sua linea di runner e cuscini, borse e pochette per il tempo libero: tutti realizzati in materiali di recupero scartati dall’interior. Per tutti, c’è sempre una seconda vita. (kalliopecasa.com)

Marianna Vigneri
Uno stile essenziale che rispetta il corpo della donna e la sua femminilità, che non sovrasta ma caratterizza. Abiti che avvolgono prima di vestire. È il tratto distintivo della palermitana Marianna Vigneri, la cui storia creativa inizia nel 2010 con un grembiule, indumento da lavoro, simbolo di eleganza intelligente che la stilista rivisiterà stagione dopo stagione. Autunno 2020: la collezione è ispirata dalle donne e per le donne che vivono con pienezza. Abiti morbidi che non creano spigoli, fantasie geometriche e, oggi come agli inizi, un fiore applicato (mariannavigneri.it)

Antoniani
Giovane marchio siciliano, Antoniani nasce a Palermo tre anni fa dall’affetto delle sorelle Giada e Roberta Pavone per la nonna, sarta del cuore di nobili e borghesi. Le tecniche di alta sartoria apprese da nonna Fernanda danno vita a borse handmade e accessori dalla forte personalità, con dialoghi cromatici irriverenti e inaspettati accostamenti materici. Oggi la produzione di Antoniani evolve in chiave ecologista, guardando con maggiore insistenza a una ricerca di materiali e innovazioni tecniche sostenibili, sempre nel rispetto etico di uomini e animali coinvolti. @antonianihandmade 

GateTrentuno
Presenti nelle migliori boutique d’Italia, Francia, Giappone, Russia, Svizzera, Belgio, Grecia e Spagna, le borse e accessori di GateTrentuno nascono in Sicilia, ispirate da paesaggi e colori. Utilizzano solo materiali di qualità provenienti da Italia, Francia e Portogallo e si distinguono per il binomio eleganza e allegria. Colori forti e disegni speciali si rivolgono proprio a una cliente che non solo tiene particolarmente a distinguersi, ma che vuole regalare un assaggio della tanto amata e celebrata luminosità del suo territorio di origine a tutte le persone che incontra. @gatetrentuno 

MAD Marzia Donzelli
MAD come le iniziali della sua fondatrice e creativa Marzia Donzelli. E come made In Italy: made in Sicily, per la precisione. Ispirata ai colori e all’energia delle Isole Eolie, la collezione di Marzia Donzelli propone, in un tripudio di colori, abiti, costumi, accessori e anche gioielli.  Nella nuova collezione a/i presentata al White, fibre naturali e materiali pregiati sono giocati all’insegna dei contrasti materici. Tessuti “rugosi come lana cotta, tricot, velluto a coste si accostano alla seta più levigata mentre ai volumi asciutti si contrappongono a capi oversize. Dal gioco dei contrasti prendono corpo soluzioni in grado di adattarsi ad ogni situazione: per Marzia l’abito non è mai un oggetto senza vita; è dinamico, pensato per vestire la quotidianità in pieno confort. (madinitaly.eu)

Mariella Gennarino
Entrare nel suo mondo, accolti dalla sua signorile e calda ospitalità, significa immergersi in un trionfo di pizzi, ricami, tessuti pregiati. Mariella Gennarino è vulcanica e barocca come la sua amata isola, e nelle sue proposte sposa mette non solo estro, ma aristocratico background, sempre unito a suggestioni dei costumi teatrali dell’800. Come poter dimenticare la sua collezione dedicata al Gattopardo: fece impazzire tutta NewYork. Oggi la stilista è al lavoro nel suo regno nel cuore di Catania, in via Monfalcone 6, dove riceve con affetto le sue clienti, grandi e piccine. Ma potete anche trovarla anche in giro per il mondo, nei migliori atelier sposa di Londra o NewYork. (mariellagennarino.it)

Salvatore Sardisco
Salvatore Sardisco è una di quelle aziende a conduzione familiare che fanno l’eccellenza del made in Italy. Fondata negli anni Settanta e abile nel produrre artigianalmente per terze parti borse impeccabili di qualsiasi tipo, accumula esperienza e costruisce valori. “Negli anni grazie alla competenza e all’ottima conoscenza della materia prima, siamo riusciti ad evolverci in base alle esigenze del mercato, fino a collaborare con un numero sempre maggiore di brand”. Oggi c’è anche la linea di proprietà: pellami impeccabili, geometrie precise, decori bilanciati, colori sorprendenti. (salvatoresardisco.com)

NN Couture
I costumi tradizionali delle varie culture, ma sempre reinterpretati in chiave attuale. È il viaggio intorno al mondo di NN Couture, il brand fondato da Elio Ferraro nel 2016 e subito entrato nel prezioso guardaroba di nomadi e collezioniste di livello. Palermo non poteva essere sede e ispirazione migliore, crocevia di narrazioni e dominazioni, culture e tradizioni. Per l’edizione FW 20/21 del White, NN Couture presenta una speciale capsule collection di caftani, abaya e tuniche ispirati al periodo storico dell’impero Moghul, i cui materiali, anche vintage e ottenuti attraverso telai scomparsi, sono frutto di una lunga ricerca nelle fabbriche antiche dell’antica Benares, oggi Varanasi, città sacra dell’India rinomata per la tradizione tessile eccellente (nncouture.com).

Mollo Tutto
Un messaggio chiaro che fa breccia nel cuore di molti. Mollare tutto, però, non è da molti. Eppure nel 2014 l’artista palermitana Natalie Rossi lo fa, e si trasferisce a Lipari, Isole Eolie. Qui apre un laboratorio di prodotti unici e creazioni d’arte. Il brand si chiama Mollo Tutto e, il nome dice, tutto, promuove prima di tutto la libertà di sognare, il sole e il mare della Sicilia. Il successo è immediato e in tante località di vacanza arrivano nuovi punti vendita. Dalle felpe alle T-shirt agli zaini idrorepellenti per la vita da barca, tutto è realizzato in Italia. E conta di essere sempre più rispettoso dell’ambiente. “i miei progetti futuri verteranno su una collezione fatta interamente in econylon – dichiara la fondatrice. Nylon provenienti da vecchie reti da pesca in parte delle Eolie: questa collezione sarà pronta nel 2021”. (mollotuttoshop.com)

Giuliana di Franco
La Sicilia in miniatura, con tutte le sue ispirazioni, il patrimonio culturale e naturalistico, i colori, i personaggi. Giuliana Di Franco lavora oro, argento e pietre preziose con maestria a grande passione e, dal 2004, crea gioielli e piccoli accessori come opere d’arte. Certamente preziose per il legame autentico con il territorio. Ma anche per il lavoro di manualità e precisione che sta dietro ogni singolo oggetto (giulianadifranco.com).

Suahru
Glorificare la bellezza e la nobiltà del corpo umano è il fine di Suahru, marchio di costumi nato dalla passione per i viaggi e la sensualità di Claudia, Alessia e Martina, tre sorelle palermitane. Sgambature Novanta da capogiro, pizzi lingerie, lurex e piccole costine: consapevolezza e libertà si concretizzano in forme delicate ma allo stesso tempo audaci. Sempre possibili grazie alla ricerca dei materiali instancabile: elemento fondante del brand. Ovviamente, ogni capo è prodotto in Italia (suahru.com). 

DueRRuote
Rivisitazioni grafiche dei decori originali dei carretti siciliani, le fantasie di DueRRuote nascono per l’esigenza di recuperare la memoria col desiderio che quella tradizione così speciale non venga mai persa. A partire da quei tratti e colori si può ambire al nuovo, a un’immagine fresca della Sicilia da esportare in tutto il mondo. Il brand di Paola Savona nasce ed evolve con questo sogno: sempre su geometrie morbide che liberano il corpo e sempre nel rispetto degli artigiani che danno al prodotto il valore aggiunto del “fatto a mano” (duerruote.com)



Tizzini
Da antico cesto siciliano di palma nana intrecciato a mano, talvolta persino usato come mangiatoia, ad accessorio di lusso. Le coffe Tizzini sono il perfetto esempio di come la tradizione italiana sia ricca di spunti estetici e funzionali da valorizzare. Il brand siciliano che produce anche scarpe, abiti e gioielli, le ha sublimate a tal punto da creare una collezione di gonne-coffe, per la prima volta al White. Tra tessuti pregiati, specchietti e lavorazioni handmade le storie possibili da raccontare e sviluppare sono tante. Come l’isola che non c’è, e proprio come Peter Pan, Tizzini racconta la sua Sicilia come un luogo immaginario, alla continua ricerca di bellezza e armonia (tizzini.com).

Bisso Milano
Il dinamismo milanese incontra la creazione manifatturiera e il folklore siciliani in una linea che unisce versatilità e attenzione per i dettagli. Il bisso è una fibra tessile di origine animale, una sorta di seta naturale marina ottenuta dai filamenti secreti da una specie di molluschi, nell’antichità veniva utilizzato per le tessiture più nobili. Da qui l’ispirazione mediterranea per una filosofia che invita a distinguersi con garbo. Per la f/w le forme si alternano: cappe over e maniche baloon su linee slim; tornano il bianco e nero, colorazioni must di Bisso, che questa volta contaminano i classici con le sfumature dell’autunno (bissomilano.com)

Lascia un commento